Logo Interacta bianco

Il manifesto dell’interazione naturale

Come concepire il nuovo lavoro secondo reciprocità e conoscenza diffusa

FONDAMENTO

1

La felicità e la realizzazione personale sono l’equilibrio dinamico tra benessere collettivo e individuale, tra vita privata e lavorativa.

2

l confini tra benessere collettivo e individuale, tra vita privata e lavorativa sono in costante ridefinizione.

3

Nel lavoro, felicità e realizzazione personale si raggiungono quando le persone creano legami positivi e comunità a cui sentono di appartenere.

4

Nel lavoro, le comunità non si sviluppano in maniera spontanea e naturale.

5

Quando c’è senso di appartenenza, ogni contributo arricchisce il benessere dell’intera comunità.

6

Le persone felici diventano le vere risorse: non a caso, le organizzazioni più produttive sono quelle dove il senso di appartenenza è più sviluppato.

Divider

INTERAZIONE NATURALE

7

L’interazione naturale è il fondamento di legami positivi, comunità e senso di appartenenza.

8

L’interazione naturale è la capacità spontanea di comunicare nel modo più semplice ed efficace possibile.

9

Nel lavoro, l’interazione naturale riscrive lo stato delle cose. Senza se e senza ma.

Divider

PROCESSI

10

L’interazione naturale è la chiave per ripensare i processi: hanno bisogno sia di semplicità e velocità sia di conoscenza, comunicazione e collaborazione.

11

Quando non c’è interazione naturale, i processi vengono alterati, rallentati, ingessati o perfino resi impossibili.

12

Quando c’è interazione naturale, ogni persona esprime le sue capacità e conoscenze portando nei processi un contributo unico e originale.

Divider

STRUMENTI

13

Gli strumenti digitali usati per la gestione dei processi sono superati: mirano solo a procedurare.

14

Le persone cercano e adottano strumenti alternativi perché quelli lavorativi non pongono come obiettivo l’interazione naturale.

15

Le persone hanno bisogno di strumenti digitali veloci nell’emissione e nella ricezione, ma capaci di profondità, analisi e ragionamento dialogante. Orizzontali e verticali.

16

Gli strumenti di cui le persone hanno bisogno non si limitino a trasmettere solo dati, ma mettono le persone nella condizione di cogliere informazioni di valore, dettagli e sfumature del contesto.

17

Servono strumenti che possano moltiplicare il valore del coinvolgimento e della conoscenza del singolo.

Divider

CONOSCENZA DIFFUSA

18

Ogni persona al lavoro è ricettore e diffusore di conoscenza, che emerge attraverso l'interazione naturale.

19

Conoscenza diffusa, compartecipazione e trasparenza sono la chiave per raggiungere obiettivi e target economici.

20

La conoscenza diffusa va preservata, determina la memoria dell'organizzazione e il modo in cui costruisce il presente e mette in prospettiva il futuro.

Divider

INTELLIGENZA COLLETTIVA

21

La conoscenza diffusa genera intelligenza collettiva.

22

L’intelligenza collettiva permette alle comunità appartenenti di evolvere verso una capacità superiore di risolvere problemi.

23

L’intelligenza collettiva crea benessere collettivo. Il benessere collettivo crea intelligenza collettiva. Uovo o gallina, non importa.

Divider

INTELLIGENZA ARTIFICIALE

24

Le organizzazioni lungimiranti investono sia in intelligenza collettiva che in intelligenza artificiale ponendo l’accento sulla prima.

25

L'interazione naturale è il collante che moltiplica la forza di entrambe.

26

L'intelligenza artificiale è il calcolo, l'intelligenza collettiva il ragionamento.

Divider

PERSONE AL CENTRO

27

Le persone vanno messe in condizione di essere felici e realizzarsi.

28

Le persone, quando felici e realizzate, sono la somma di sfumature e unicità.

29

Le persone sono il vero vantaggio competitivo.

30

L’interazione naturale va perseguita senza tregua.

Aderisci e diffondi il messaggio

Opera Injenia

Il progetto

Vediamo ogni giorno come la vita lavorativa e quella privata non
siano più scindibili. Dal loro equilibrio dipende la nostra felicità e,
per raggiungerla, immaginiamo le aziende come un insieme di
comunità, che sappiano mettere le persone al centro.

È giunto il momento di perseguire una tecnologia volta ad
accrescere il valore del coinvolgimento e della conoscenza, che
valorizzi l’intelligenza umana, oltre all’Intelligenza Artificiale.

Il Manifesto dell’Interazione Naturale vuole essere la Stella Polare
che guida il cambiamento di tutte le aziende e le persone che
perseguono la felicità.