DIFFONDE
LA CONOSCENZA
STRUTTURA LA
COLLABORAZIONE
ANALIZZA
I DATI
GESTISCE
I PROCESSI
SOCIAL PROCESS
MANAGEMENT

La metamorfosi del CIO

La metamorfosi del CIO

La metamorfosi del CIO

Dal service desk al Social Process Management

La trasformazione digitale ha ridisegnato gli scenari di business, portando a una serie di cambiamenti tecnologici, organizzativi e culturali. Tra questi, ha rivoluzionato il ruolo del Chief Information Officer, oggi chiamato a far molto più che assestare i sistemi informativi – anche se, chiaramente, fa ancora parte del suo lavoro.

Con il business che cambia rapidamente, anche il CIO si sta adattando alle nuove esigenze dell’ecosistema digitale. Cloud computing, intelligenza artificiale, big data analytics e le piattaforme di social collaboration hanno arricchito il suo lavoro di compiti nuovi e stimolanti.

In questo scenario, c’è un ambito che è stato preso meno in considerazione dai CIO del passato: la collaborazione. Piattaforme innovative di collaborazione aziendale come Interacta rendono il lavoro delle persone più rapido, semplice e intuitivo, diventando così un importante fattore per aumentare la produttività.

I CIO sono oggi le figure con la giusta competenza per implementare queste tecnologie, ma anche per capire, pianificare e abilitare il cambiamento che esse apportano.

 

Il rinnovato ruolo del CIO

 

La collaborazione, perché sia efficace, richiede una nuova cultura organizzativa, insieme a strumenti e metodologie innovative. Richiede pertanto un profondo mutamento della funzione IT, alla quale si chiede di essere il fattore abilitante nel rinnovamento dei processi aziendali.

Il know-how tecnologico, quindi, non basta più. Occorrono anche altre qualità, quali conoscenza del business, strategia, leadership, comunicazione: queste sono le competenze che oltre 400 CIO a livello mondiale hanno considerato fondamentali per far crescere il business.

 

La metamorfosi del CIO

 

 

Il CIO come change manager

 

Ma anche adattare skill professionali non è più sufficiente. Oggi, il CIO deve fare un passo ulteriore: diventare un vero e proprio change manager, capace di rimuovere quegli intoppi che si annidano in tutte le aziende e quindi di sviluppare il pieno potenziale dei processi aziendali.

I CIO devono quindi aumentare la posta in gioco, passando dall’essere esperti di settore a veri e propri enterprise leader, con strategia e visione per guidare l’impresa nel cambiamento.

Per vincere questa sfida, occorre recuperare competenze che nessun CIO avrebbe mai pensato di dover avere anche solo 5 anni fa. Tra queste, la collaborazione sta portando i CIO ben oltre i limiti della technology roadmap. Ma è anche uno tra i processi innovativi che sta portando maggiore stimolo e valore aggiunto per l’azienda

 

Il CIO e la social collaboration

 

Il nuovo CIO guida la trasformazione digitale tenendo conto delle nuove esigenze delle persone: collaborazione social, condivisione dei contenuti rapida e intuitiva, diffusione delle conoscenze e aumento dell’engagement.

Abbiamo chiamato tutto questo Social Process Management, la gestione social dei processi che trasforma collaborazione, conoscenza ed engagement in fattori chiave del successo.

Il CIO è il direttore d’orchestra del Social Process Management, sempre più focalizzato a trovare i giusti strumenti e metodi per abilitare processi in chiave social.

 

Obiettivo: potenziare la collaborazione

 

Il Social Process Management non è solo una nuova modalità di lavoro, ma un vero e proprio abito culturale.

Fino all’arrivo dei millennial, era l’azienda a spronare le persone ad adottare una tecnologia o un certo modo di lavorare. Il management sceglieva strumenti specifici, ognuno dei quali serviva una singola funzione: c’erano programmi per inviare la posta elettronica, pianificare il lavoro, fare calcoli, scrivere e modificare immagini o testi. Non solo: il lavoro era organizzato in aree a sé stanti, che in gran parte rimanevano isole indipendenti.

Oggi invece vogliamo raggiungere i nostri obiettivi in azienda con la stessa naturalezza con cui risolviamo i nostri compiti quotidiani: in modo rapido, coinvolgente, sempre in contatto con le nostre community. Soluzioni innovative come Interacta servono proprio a questo e a portare queste nostre esigenze all’interno della gestione dei processi.

Ripensare i processi in modo social e collaborativo sta apportando numerosi vantaggi in azienda:

 

la metamorfosi del CIO_3

 

Come implementare il Social Process Management?

 

Questi cambiamenti rappresentano una sfida stimolante che il CIO non può affrontare da solo. Nella sua rinnovata funzione, il CIO stesso deve sperimentare in prima persona i vantaggi della collaborazione con tutti gli altri C-level.

Così, il CIO ha a che fare sempre più spesso con il CEO, a causa della progressiva sovrapposizione di operazioni di business e tecniche. Se il CEO era una figura che già incontrava spesso, oggi il CIO deve relazionarsi anche con altri C-level, come per esempio l’HR manager.

Il responsabile delle risorse umane, infatti, è la figura che possiede la giusta conoscenza per adeguare le trasformazioni apportate dal digitale alle necessità delle persone, sapendo anche chi è più propenso e chi è più restio al cambiamento.

Come il CIO, anche l’HR manager sta assumendo nuove funzioni in azienda. Non ha più un ruolo di amministrazione delle risorse umane o di organizzatore di eventi puntuali di team building, ma pensa all’engagement come un fine a cui tendere continuamente, per motivare le persone e farle sentire parte integrante del business.

Così, anche se da punti di vista diversi, il CIO e l’HR manager perseguono gli stessi obiettivi:

  • promuovere la collaborazione in modo trasversale su tutte le aree dell’azienda
  • adottare la cultura dell’azienda flessibile, capace di adattarsi rapidamente ai cambiamenti
  • monitorare e perseguire l’engagement e la crescita delle persone
  • valorizzare le idee delle persone, a prescindere della posizione che ricoprono
  • trovare le giuste leve per attrarre e mantenere i talenti

 

Dal service desk al Social Process Management

 

La metamorfosi del CIO lo ha portato ad avere un ruolo più orientato al business, capace di orchestrare tecnologie e persone nell’ecosistema digitale. In contatto continuo con con gli altri C-level, la missione del CIO di oggi è trovare i giusti strumenti e le giuste leve per rendere i processi aziendali più rapidi e coinvolgenti.

Non più solo conoscenza tecnica e gestione dei ticket: si passa dal service desk al social process management per guidare l’azienda nel cambiamento.

Per questo servono nuove skills, ma soprattutto un nuovo abito mentale che permetta ai CIO di essere veri change manager in grado di capire e pianificare il cambiamento insieme alle persone che tutti i giorni vivono la realtà del business.

In questo nuovo scenario, servono strumenti innovativi come Interacta per innovare i processi e la cultura aziendale. Come diceva Stewart Brand, infatti, tentare di cambiare le abitudini delle persone è un’impresa che potrebbe rivelarsi impossibile. Occorre invece adottare nuovi strumenti per rendere i processi meno rigidi e permettere alle persone di collaborare e lavorare in modo sempre più rapido e intuitivo.

More About
Interacta#
Aprile 18, 2019
I vantaggi di adottare una piattaforma gestionale evoluta per la vendita
I benefici di una piattaforma gestionale evoluta in chiave social: dalla migliore gestione dei processi e della conoscenza, all’engagement del team sales
Aprile 9, 2019
L’importanza del passaggio di informazioni nella manutenzione degli impianti

Un passaggio di informazioni veloce e intuitivo è la condizione fondamentale per una manutenzione degli impianti efficiente e permette di ridurre i tempi di produzione

Gennaio 4, 2019
Collaborazione, conoscenza ed engagement
Soluzioni innovative di social workplace aumentano la collaborazione, diffondono la conoscenza e migliorano l’engagement aziendale.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi